6 aprile 2004

Musica Rock da Vittula - Mikael Niemi

Musica Rock da Vittula - Mikael NiemiCi sono certi libri di cui non puoi fare a meno di innamorarti, Musica Rock da Vittula di Mikael Niemi è un romanzo svedese, pubblicato in Italia dalla Iperborea, casa editrice specializzata in letteratura scandinava. In patria pare sia diventato un libro cult, ed è stato tradotto in decine di lingue.
È ambientato in una piccola città nell'estremo nord della Svezia, vicino al confine con la Finlandia. Un posto dimenticato da tutti, dove un giorno, un bambino di undici anni scopre il rock...
La narrazione è in prima persona ed è molto intensa e personale, viene descritta la vita di due bambini fino al momento in cui diventano "adulti". La scuola, gli sbruffoni che picchiano i bambini più deboli, la scoperta del sesso, l'alcool, le incredibili leggende di antichi parenti. E sullo sfondo il rock, questa musica che accompagnerà i ragazzi e per i quali è un mezzo per sfuggire al disagio di vivere in quella provincia remota in qualche modo. I primi dischi ascoltati, la prima chitarra, le prime prove, i primi concerti. La cosa straordinaria è che sebbene sia ambientato in un posto al freddo lontanissimo dalla cittadina mediterranea dove abito, in parecchie cose mi sono riconosciuto; perché il rock è stato anche mio amico, perché quando quattro ragazzi si mettono in un garage a provare non c'è latitudine che tenga, le esperienze sono esattamente le stesse. La fine è molto triste e mi ha emozionato parecchio, se avete il lacrimone facile preparate i fazzoletti.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao, hanno fatto anche il film
"Popolarmusik fran vittula".
Peccato non sia doppiato in italiano...

Renato ha detto...

Dai!!! Quanto mi piacerebbe vederlo, chissà se ne esiste una versione almeno coi sottotitoli in inglese!

Anonimo ha detto...

io ho comprato l'edizione feltrinelli e appena ho letto che l'aveva già pubblicato iperborea... cacchio! la letteratura nordica è davvero gagliarda (mai letto jorn riel?)!
devo ancora finirlo: lacrimoni? nooo...

Renato ha detto...

No, di Riel non ho letto niente, però ti ringrazio per la segnalazione perché trovo molto affascinante la letteratura scndinava. Ho da poco finito "Per amore della verità" di Torgny Lindgren e mi è piaciuto, (ne ho scritto sul blog) ma non come "Vittula"

Anonimo ha detto...

ciao, sono quella di riel, ebbene sì ho appena finito musica rock ecc.
me lo immaginavo che il buon niila sarebbe morto. ma non me lo immaginavo nell'epilogo. chissa poi perchè?
bello, bello davvero.
adesso mi toccherà leggere anche per amore della verità..
stammi bene.