20 ottobre 2007

IMSLP.ORG Chiude i battenti

Aggiornamento 1 luglio 2008: Oggi IMSLP.ORG ha riaperto

Stamattina mi sono accorto che IMSLP.ORG Progetto Biblioteca Musicale su Internet è stata costretta a chiudere i battenti. Lo annuncia con tristezza Feldmahler, il fondatore del sito:

On Saturday October 13, 2007, I received a second Cease and Desist letter from Universal Edition. At first I thought this letter would be similar in content to the first Cease and Desist letter I received in August. However, after lengthy discussions with very knowledgeable lawyers and supporters, I became painfully aware of the fact that I, a normal college student, has neither the energy nor the money necessary to deal with this issue in any other way than to agree with the cease and desist, and take down the entire site. I cannot apologize enough to all IMSLP contributors, who have done so much for IMSLP in the last two years.


I vari server e domini sono a disposizione di chi voglia provare a proseguire con il progetto. Se siete interessati scrivete a imslp@imslp.org

In poco tempo IMSLP.ORG era riuscita a raccogliere più di diecimila spartiti, comprese partiture complete di orchestra, didattica per pianoforte etc. Si trattava soprattutto di scansioni di stampe di pubblico dominio. Ho inviato io anche alcuni piccoli contributi, realizzando versioni in PDF, ripulite e stampabili dall'archivio musicale della Library of Congress. E allora come mai è stato chiuso? Be' consideriamo questo piccolo esempio: come spiagavo qualche post fa mi sono rimesso a suonare il piano, con mia molta gioia ho trovato su IMSLP tutta la popolarissima serie di libri di studi di Bartok "Mikrokosmos" divisa in 6 volumi con esercizi progressivi, era una vecchia versione sovietica con i titoli in cirillico, scansionata e messa su IMSLP, ma comunque gli studi musicali c'erano tutti ed erano esattamente gli stessi che si trovano nella versione acquistabile pubblicata dalla Boosey & Hawkes che ne detiene i diritti, Ora Bartok è morto nel 1945, 62 anni fa, quindi in base alla legge che sancisce che un'opera diventa di pubblico dominio 70 anni dopo la morte del suo compositore, il Mikrokosmos ancora non è di pubblico dominio. E di casi del genere ne ho trovati parecchi, ad esempio c'erano molti spartiti di Rachmaninov (morto nel 1943). Per questo anche se mi dispiace tantissimo per la chiusura di IMSLP.ORG, la cosa tutto sommato non mi sorprende. Avrebbero dovuto fare come Mutopia Project che oltre a pubblicare esclusivamente spartiti realzzati con il software di notazione musicale Lilypond, sta attentissima al materiale che pubblica propio per evitare di incorrere nei problemi che hanno portato alla chiusura di IMSLP.ORG.
Mi auguro che IMPLP.ORG riapra presto, magari prestando molta attenzione al materiale pubblicato, perché una cosa è scannerizzare spartiti di pubblico dominio, cosa alla portata di tutti, e ben altra è digitalizzare uno spartito usando Lilypond, cosa piuttosto complicata.

Cli qui per una piccola lista di altri siti da cui sacricare spartiti di pubblico dominio o gratuiti

5 commenti:

Elia Andrea ha detto...

Con la chiusura di imslp.org si celebra la giornata più triste della storia della cultura musicale online.

Anche le opere di pubblico dominio, anche il patrimonio dell'umanità è tiranneggiato dagli interessi commerciali di pochi individui.


Elia Andrea Corazza
corazzino@gmail.com
http://www.eliaandrea.com

Renato ha detto...

Non la farei così tragica, l'errore di IMSLP.ORG è stato quelo di fare le cose in modo amatoriale, basandosi esclusivamente sul diritto canadese, dove un'opera diventa di pubblico dominio 50 anni dopo la morte dell'autore. Ma se crei una cosa così grande, con fruitori e contrubutori in tutto il mondo devi adeguarti alle regole internazionali. Non dico che siano giuste, ma purtroppo ci sono. Il loro errore è stato quello di non creare una fondazione come Wikipedia, esistono molti siti dove è possibile scaricare spartiti veramente di pubblico dominio. Detto questo io mi auguro IMSLP riapra presto

Elia Andrea ha detto...

Regole internazionali? Di quale paese e per quale paese? Renato, puoi essere più preciso?

Il fatto resta: un risolvibile problema di copyright, circoscritto a pochi titoli, è stato preso in pugno per costringere un sito che diffonde cultura a chiudere i battenti.

Con il risultato che ora TUTTI SIAMO PIU'POVERI.

Credo che IMSLP riaprirà... ma mi auguro fermamente che non sia strumentalizzato da un'azienda che cercherà di guadagnare ANCHE su opere di pubblico dominio.



Elia Andrea Corazza
corazzino@gmail.com
http://www.eliaandrea.com

ps: un link da aggiungere per trovare qualche partitura
http://www.dlib.indiana.edu/variations/scores/

Renato ha detto...

Il sito era gestito dal Canada, e sempre in Canada erano i server, in base alla legge di questo paese un'opera diventa di pubblico dominio 50 anni dopo la morte dell'autore, nella comunità europea dopo 70. In America non ricordo ma credo sia simile all'Europa. Per essere in regola avrebbero dovuto mettere dei filtri per chi si collegava da fuori dal Canada, cosa assurda ovviamente, ma comunque,
piuttosto che chiudere definitivamente credo avrebbero potuto tranquillamente rimuovere quei pochi autori che non sono ancora di pubblico dominio.

corazzino ha detto...

EVVIVA! Ha riaperto l'altro ieri! Speriamo ora che resti on-line: lunga vita alla divulgazione di cultura musicale



http://www.imslp.org




buona lettura, e buono studio a tutti i musicisti.


Elia Andrea Corazza
http://www.eliacorazza.it
corazzino@gmail.com