13 luglio 2008

Mostra Picasso al Vittoriano, Roma

La mostra intende presentare l’opera del grande maestro spagnolo in momento davvero fondamentale nella sua lunga carriera, ovvero negli anni tra le due grandi guerre. A quel tempo, Picasso stava attraversando contemporaneamente diverse fasi artistiche anche contraddittorie tra loro, senza mai scegliere un sentiero definitivo, e, per usare una metafora, era come un giocoliere che tiene in equilibrio in aria diverse palle. La volontà di quest’esposizione è proprio quella di dimostrare che questo era il suo modo di rispondere a molte istanze: ritorno all’ordine (neoclassicismo), astrazione (dato che egli dichiarò di non amarla, nessuno si è mai occupato del dialogo che ebbe con questa corrente), Surrealismo, Matisse, Espressionismo, ecc.

Un Picasso enciclopedico, dunque, che affronta tutte le tematiche artistiche del XX° secolo e non solo un eroe solitario che si occupa della sua complessa vita personale.

Mostra: PICASSO 1917 - 1937

Quando: dal 10/10/2008 al 08/02/2009

Dove: Complesso del Vittoriano
Via di San Pietro In Carcere
Roma

Organizzazione: Comunicare Organizzando

13 commenti:

Podmork ha detto...

Picasso era fin troppo Picasso. Avrebbe dovuto Depicassizzarsi almeno a colazione.

Anonimo ha detto...

era oraaaaa una bella mostra di Picasso....ottimo che duri fino a febbraio...

Anonimo ha detto...

Non perderò mai una mostra di tale importanza ... ma quando ami veramente
L'ARTE e vivi a Palermo TUTTO SI COMPLICA ...ad ogni modo partirò per Roma a tutti i costi!!!!

Anonimo ha detto...

bravoooooo podmork ha detto...la moviola in gampooooo

Anonimo ha detto...

ventesimo secolo si scrive XX senza "°"....

Anonimo ha detto...

Picasso era un asso basso, che sotto il materasso nascondeva un sasso,e quando andò a Campobasso gli fecero un salasso, ma quando salì sul masso disse " non ci capite un casso "

Anonimo ha detto...

ehehheh....."non ci capite un casso"...e nemmeno io che sono picasso

Anonimo ha detto...

Che commento idiota! qui si parla della mostra di un artista super e sai lasciare solo questa frase con le rime da sottosviluppato/a e magari neanche sai nulla su Picasso.

furla ha detto...

vera poesia le rime su picasso, ho fiuto per gli artisti!
sono stata alla mostra, il pezzo forte è quello con la ragazza in vestaglia su sfondo grigio, del periodo classico mi pare. poi, tra le sculture soffermatevi sulle donne sedute in piedi

Anonimo ha detto...

mia moglie patita per l'arte, partirà con una amica per vedere la mostra a tutti i costi. io purtroppo rimarro' con la commara.

Valentina ha detto...

Ieri mattina ho avuto il piacere di assistere a questa mostra interessantissima...di quelle che lasciano il segno!un Picasso insolito e camaleontico (un vero "Arlecchino dell'arte") capace di reinventarsi continuamente, a cui il Vittoriano ha dato una giusta visibilità. La consiglio a tutti, è da non perdere!

Anonimo ha detto...

L'audioguida è di buona qualità, mi sono però stupita per la pessima pronuncia dei termini in francese.

Leonarda ha detto...

la vera terra dei barbari non è quella che non ha mai conosciuto l'arte ma quella che disseminata di capolavori non sa ne apprezzarli e ne conservarli.
CLAUDIA vieni a prendermi a Bologna e andiamo a Roma!!!!